Marche

Cardo mariano

Nome scientifico: Silybum marianum

Famiglia: Astereaceae
Parti utilizzate: Frutti

Descrizione e Habitat: Il Cardo mariano è una pianta dallo stelo alto e dritto, leggermente scanalato. Le foglie sono spinose e presentano striature bianche lungo i bordi e le venature della foglia. Ogni stelo termina con un bocciolo singolo di colore viola composti da fiori tubolari sottili. I suoi frutti sono acheni di color marrone-nero.
E’ una pianta originaria del Mediterraneo, la si può trovare su terreni secchi e pietrosi, sui bordi delle strade. E’ diventata successivamente una pianta naturalizzata anche in Australia e Nord America.

Storia: Il nome di questa pianta ha una associazione con al religione cristiana, da cui il nome “marianum” ovvero della Vergine Maria, poiché la credenza vuole che il latte di Maria cadde sulle foglie del Cardo contrassegnandone la caratteristica venatura biancastra delle foglie. Al di là di queste credenze il cardo mariano veniva adoperato sin dai tempi antichi come rimedio contro i problemi del fegato, e questo suo utilizzo è poi stato avvalorato dalla ricerca scientifica.
Diversi esperti storici di medicina la descrivono come una pianta adatta a curare la depressione, per curare il fegato, e l’ittero.

Utilizzo: Nei nostri giorni le ricerche scientifiche hanno avvalorato gli utilizzi di questa pianta per curare problematiche relative al fegato. Uno studio degli anni 60 isolò una serie di sostanze contenute nella pianta, che aveva proprietà protettive sulle cellule del fegato, in grado di curare epatite virale, e danni causati da droghe, tossine o alcol.