Marche

Cicoria

Nome scientifico: Cichorium intybus

Famiglia: Asteraceae
Parti utilizzate: tutta la pianta

Descrizione e Habitat: La cicoria è una pianta perenne, alta dai 60 ai 180 cm, e presenta lunghe foglie strette, e un fittone polposo internamente lattigionoso. Presenta dei fiori blu a grappoli di 2-3 che si aprono nei giorni poco soleggiati. La fioritura avviene fra l’estate ed il primo freddo.
E’ una pianta originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, ma è anche naturalizzata nel nord America. E’ abbastanza comune e la si può trovare lungo i margini delle strade o nei campi e giardini.

Storia: La cicoria viene adoperata da oltre 2000 anni, ma non è molto diffusa in campo erboristico come rimedio. Comunemente adoperata per l’insalata le foglie erano apprezzate per le proprietà rinfrescanti. Bollite venivano adoperate per il benessere del fegato e dei reni. I romani la adoperavano per le problematiche della minzione e per curare l’ittero. Si diceva che fosse un ottimo digestivo e che fosse utile per ripulire il sangue.
Più tardi venne utilizzata in aggiunta al caffè per migliorarne la qualità.

Utilizzo: Nella moderna fitoterapia la cicoria viene adoperata come rimedio nelle indigestioni e per la perdita di appetito. Il suo utilizzo principale è quello culinario. Diversi studi hanno scoperto che la cicoria ha proprietà immunostimolanti, e che faccia bene al fegato. Inoltre il suo utilizzo con il caffè riduce il contenuto di caffeina.