Marche

Eleuterococco

Nome scientifico: Eleutherococcus senticosus

Famiglia: Araliaceae
Parti utilizzate: Radici, steli e corteccia

Descrizione e Habitat: L’Eleuterococco è un arbusto legnoso con steli molto spinosi e foglie grandi palmate. La radice si presenta intreciata e molto spessa. I fiori sono poco appariscenti e si ergono a grappolo su uno stelo, e vengono poi sostituiti da bacche di colore blu nero.
La sua origine è Asiatica, prevalentemente dalle zone della Russia orientale, Cina del nord, Corea e Giappone, nelle zone forestali.

Storia: In età moderna l’Eleuterococco è diventato famoso grazie ai russi che lo propagandavano come sostitutivo economico del ginseng, difatti ha un effetto adattogenoe e tonico rinvigorente, anche se non contiene le stesse sostanze chimiche. Sappiamo però dai testi antichi che in Cina viene utilizzato da oltre 2000 anni, dove veniva aggiunto in preparati per curare problemi respiratori, raffreddore, influenza e disturbi cardiaci. E’ comunque conosciuto da sempre come tonico energetico, in grado di migliorare la salute, stimolare l’appetito e sostenere il fisico.
Oggi questa pianta, diventata famosa grazie ai russi, è adoperata come rinvigorente, per incrementare le prestazioni fisiche e mentali, stimolare il sistema immunitario e velocizzare stati di convalescenza.

Utilizzo: L’Eleuterococco viene anche chiamato ginseng siberiano, ed è un tonico adattogeno che può essere consigliato per combattere l’affaticamento, migliorare la memoria, stimolare le difese immunitarie, in stati di convalescenza, per chi è sotto chemioterapia, ma anche per combattere virus come l’herpes simplex.