Marche

Ginkgo

Nome scientifico: Ginkgo biloba

Famiglia: Ginkgoaceae
Parti utilizzate: Foglie e semi

Descrizione e Habitat: Il Ginkgo è un albero molto longevo, può vivere fino a mille anni, e raggiungere i 30 metri di altezza. Le foglie caratteristiche sono a forma di ventaglio e si dividono in due lobi, da cui nasce il nome biloba. I frutti sono ovali di colore verde, e si distinguono in maschi e femmine, e crescono su alberi diversi.
Questa pianta è originaria della Cina, dove viene largamente coltivato, ma è possibile trovarlo anche in Francia, Giappone e Nord America.

Storia: L’origine di questa pianta risale alla preistoria, scoperto grazie al ritrovamento di fossili del Ginkgo, ed è rimasto quasi immutato da allora. Sappiamo che veniva largamente utilizzato nella medicina Cinese, migliaia di anni fa, i semi venivano usati soprattutto per curare malattie polmonari, come asma, tubercolosi, tosse, ed altri disturbi. Le foglie veniva adoperate come i semi per l’apparato respiratorio, ma anche per il cuore o per curare i geloni.
Solo negli ultimi anni si sono scoperte le proprietà sul microcircolo, soprattutto a livello cerebrale.

Utilizzo: Come detto poco fa, alcuni studi scientifici negli ultimi anni hanno scoperto che il Ginkgo ha la proprietà di migliorare le funzioni cognitive nelle persone con problemi di invecchiamento cerebrale in dipendenza dall’età. E’ quindi un ottimo prodotto per le persone anziane, che soffrono di Alzaimer, demenza senile, ma può diventare anche molto utile nei soggetti al di sotto dei 50 anni poiché si pensa che possa migliorare l’attenzione e la lucidità.