Marche

Luppolo

Nome scientifico: Humulus lupulus

Famiglia: Cannabaceae
Parti utilizzate: Fiori femmina

Descrizione e Habitat: Il Luppolo è una pianta rampicante perenne, dalla consistenza ruvida causata dalla lanuggine da cui è ricoperto lo stelo. Le foglie sono trilobate e somigliano a quelle della vite. I fiori si distinguono in maschi e femmina, e sono diversi fra loro. Quelli femminili trovano impiego nella medicina naturale.
Il luppolo è largamente diffuso in tutto il mondo, Europa, Asia e Nord America, e predilige le zone temperate dell’emisfero nord.

Storia: Il Luppolo come è ben noto è uno dei principali ingredienti della birra, e documenti antichi testimoniano il suo utilizzo da millenni. Il suo utilizzo terapeutico fu scoperto quando ci si accorse che chi raccoglieva il luppolo era sempre assonnato, e da li si scoprì che aveva proprietà soporifere.
Nel corso degli anni il luppolo è stato adoperato per curare una serie di problematiche, ad esempio per alleviare reumatismi, curare la febbre, per i parassiti intestinali e come diuretico. Ma ancora per ittero, flatulenza, crampi e malattie della pelle.

Utilizzo: Col tempo il luppolo non venne più utilizzato per queste patologie, ma rimase una pianta consigliata per curare l’insonnia e gli stati d’ansia, lo stress e la tensione. E’ anche stato studiato avere un effetto antispasmodico per alleviare asma e crampi mestruali. E’ anche un rimedio per il mal di stomaco perché migliora la secrezione gastrica e attenua i crampi del tratto digerente.