Marche

Malva

Malva: nome
Malva sylvestris - Malvaceae

Malva: proprietà
I fiori e in particolare le foglie della malva sono ricche di mucillagini, che conferiscono alla pianta proprietà emollienti e antinfiammatorie per tutti i tessuti molli del corpo. Questi principi attivi agiscono rivestendo le mucose con uno strato vischioso che le proteggono da agenti irritanti.
Per questo motivo, l'uso della malva è indicato contro la tosse, nelle forme catarrali delle prime vie aeree; per idratare e sfiammare l'intestino, e per regolarne le funzioni, grazie alla sua dolce azione lassativa, dovuta alla capacità delle mucillaggini di formare una sorta di gel, che agisce meccanicamente sulle feci e quindi agevolandone l'eliminazione. Il trattamento della stitichezza con la malva risulta non irritante e non violento, per cui è indicato in gravidanza, per bambini e per gli anziani. Inoltre contribuisce a guarire faringiti, vaginiti e tutte le irritazioni del cavo orale, come ascessi, gengiviti e stomatiti.

Malva: descrizione
Pianta perenne dal portamento cespuglioso, eretto e prostrato. Il fusto (60-80 cm), legnoso alla base, porta foglie picciolate a 5-7 lobi, con margine dentato, ricoperte di peli. I fiori, che spuntano all'ascella delle foglie, sono di colore rosa-violaceo con striature più scure.

Malva: habitat
Frequente nei prati e luoghi incolti di pianura e collina è spesso spontanea negli orti e nei giardini.

Malva: cenni storici
Le virtù emollienti della malva sono conosciute e apprezzate sin dai tempi antichi, infatti, il suo nome deriva dal termine latino mollire cioè "capace di ammorbidire". I Greci invece la chiamavano malachè, che significa "rendere morbido". Ippocrate la raccomandava per le sue proprietà emollienti e lassative, ma era utilizzata anche come cibo dalle persone povere. In effetti, è ottima nelle minestre o lessata e condita con olio e sale.

Malva: ricetta
USO INTERNO
Decotto: 1 cucchiaio raso foglie e fiori di malva, 1 tazza d'acqua
Versare le foglie e i fiori nell'acqua fredda. Accendere il fuoco e portare a ebollizione. Far bollire ancora qualche minuto, spegnere il fuoco, coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l'infuso e berlo al momento del bisogno in caso tosse, colite, o stitichezza.
USO ESTERNO
Con il decotto così ottenuto una volta raffreddato, si può trovare beneficio mediante gargarismi, in caso d'infiammazioni della bocca e della gola.