Marche

Uva ursina

Nome scientifico: Arctostaphylos uva-ursi

Famiglia: Erocaceae
Parti utilizzate: Foglie

Descrizione e Habitat: L’Uva ursina è una pianta rampicante, un arbusto sempreverde dai lunghi rami che si aggrovigliano fittamente. Ha delle foglie piccole di forma ovale e coriacee, di colore verde scuro sulla parte superiore e più chiare nella parte rivolta verso il basso. I fiori sono piccole campanelle di colore bianco e rosa che poi danno luogo a piccoli frutti tondi color rosso vivo.
La pianta è originaria delle zone temperate e fredde dell’emisfero nord del pianeta, cresce in modo rigoglioso sulle zone montuose, pendii, zone collinari e terreni a PH acido.

Storia: Le sue proprietà astringenti e leggermente diuretico sono note da tanti secoli. Le sue foglie venivano usate dagli Europei per farne tisane al fine di ridurre infiammazioni dell’apparato urinario, reni, vescica e calcoli. Le popolazioni native americane ne facevano pomate da applicare sulla pelle per curare bruciature, piaghe, e foruncoli e per velocizzare la cicatrizzazione.
Talvolta leggiamo che se ne facevano impacchi contro il mal di schiena, contro i reumatismi e per stimolare le mestruazioni. Le bacche si mangiavano come rimedio per allontanare lo scorbuto ed era una fonte di cibo nei periodi freddi e poveri.

Utilizzo: Ai nostri giorni l’Uva ursina è un ingrediente tipico dei preparati per la cura di problemi urinari, infiammazioni della vescica, cistiti, uretriti e calcoli, ma anche gotta e gonorrea. Ha proprietà antibatteriche ed antifungine ed è efficace contro diversi agenti patogeni che causano le classiche infiammazioni dell’apparato urinario.